Top Navigation

Adriana Seroni

di Maura Vagli


pp. 80, f.to 12×16,5, 2019
ISBN 978-88-6550-669-1
€ 8,00

Adriana Fabbri Seroni, conosciuta anche solo come Adriana Seroni (Firenze, 9 giugno 1922 – 9 aprile 1984), è stata una giornalista e femminista italiana, molto attiva nella lotta per i diritti delle donne e Prima Firmataria della legge sull’interruzione volontaria di gravidanza.
Dopo la laurea in Lettere svolse la professione di giornalista, fino ad approdare alla Camera dei Deputati nel 1972 per il PCI nel quale ha ricoperto l’incarico di dirigente e responsabile dell’organizzazione del partito. Quando, nel 1968, Adriana Seroni succede a Nilde Iotti come responsabile della Sezione Centrale Femminile del PCI, il suo profilo politico si è già mostrato in tutta la sua prepotente coerenza; un tratto politico, e di temperamento, che le deriva anzitutto da un’incrollabile adesione ai principi del Partito nuovo. Seroni entra nel PCI a ventidue anni, nella sezione di Firenze Centro. È il 1944, e mentre l’Italia resiste ai colpi di coda della guerra, il Partito, in uscita dalla clandestinità, si è già assunto il compito di guidarne l’esito, imboccando il cammino democratico. Rimase alla Camera sino alla morte, avvenuta nel 1984 a causa di un arresto cardiaco.

Maura Vagli
Nasce a Isola Santa, antico borgo della Garfagnana, crocevia storico tra Garfagnana e Versilia. Per impedirne l’oblio, ha scritto “E’ questa una mattina che non c’è scuola”, racconto che fa rivivere gli antichi abitatori del proprio paese natio, con le loro storie di vita. Deputata per il PCI nella VI, VII, VIII legislatura, fa parte del Comitato Centrale. Ha portato all’attenzione nazionale la sismicità della Garfagnana nel 1981 in collaborazione col Consiglio nazionale delle Ricerche. Nella sua attività non ha mai dimenticato le donne, sia nella legislazione, sia da assessora alle pari opportunità del Comune di Castelnuovo. In tale veste ha realizzato “Progetto Donna”, con l’obiettivo di fare uscire le donne di casa. Progetto Donna ha una propria sede, e una propria biblioteca, tutta al femminile. Nel 1985 fonda con Marina Pivetta “Il Paese delle donne”, giornale che esce, in totale autonomia e con una redazione tutta al femminile, all’interno di Paese Sera. Maura Vagli ha un sito: mauravagli.it, al quale ogni tanto consegna una riflessione.

Comments are closed.