Top Navigation

Il fornello racconta: la cucina della Lucchesia

cucina_lucchesiadi Sandra Lotti


pp. 284, f.to 17×24, 2004
ISBN 978-88-7246-639-1
€ 22,00

Intraprendere lo studio della cucina toscana equivale ad intraprendere un viaggio affascinante e avventuroso nella storia, nella cultura e nell’arte non solo di questa regione, ma dell’intera civiltà mediterranea. Il contributo più importante, per quello che ci riguarda più da vicino, lo hanno apportato gli Etruschi che per primi hanno sentito l’esigenza di fare del cibo un’arte raffinatissima. Il cibo vissuto non solo come necessità, ma anche come piacere. C’è chi vive per mangiare e chi mangia per vivere.
La Lucchesia, insieme al Grossetano, è sicuramente l’area più interessante della Toscana. Ma la Lucchesia può vantare un territorio molto ben più diversificato. C’è la zona paludosa del Lago di Massaciuccoli con una cucina tutta sua a base di pesce di lago e cacciagione lacustre: la Garfagnana con le sue montagne ricche di foreste che contribuisce con selvaggina, farro, funghi, castagne e frutti di bosco; la zona costiera di Viareggio e Forte dei Marmi conosciutissima per la cucina marinara; la zona collinare di Camaiore e Pietrasanta, tipica per le ricette di terra e anche parzialmente importante da Massa Carrara; e per finire la piana di Lucca con i piatti più tipici e riassuntivi delle altre quattro zone…

Comments are closed.