Top Navigation

è questa una mattina che non c’è scuola. Com’era grande il mio paese quando non c’era il lago

maura vagli

di Maura Vagli


pp. 52, f.to 21×15, ill. colore, 2015
ISBN 978-88-6550-479-6
€ 10,00

 

Il paese dell’autrice Maura Vagli nasce dalla pancia delle Alpi Apuane, in una stretta valle; crocevia storico fra Garfagnana e Versilia, il suo nome è Isola Santa. Forse si chiama Isola perché c’è un grande pratocircondato dall’acqua: da una parte il fiume, la Turrite, dall’altra la gora, nel mezzo l’aiara, che è il grande prato. L’autore ci scrive del suo paese e lo fa mettendosi nei panni di se stessa bambina. In un mondo che oggi sembra quasi dimenticato, lontanissimo le sue parole ci riportano agli anni che seguono la seconda guerra mondiale, all’interno della Garfagnana. Palpita allora, lo si avverte, la vita quotidiana di allora, le speranze di un’antica civiltà contadina, ma l’intento dell’autrice non è tanto quello di dar corpo alle memorie della sua infanzia, quanto quello piuttosto di lasciar una seppur labile traccia delle persone che quel mondo lo hanno vissuto e di cui oggi pochi si ricordano. Un’appassionata volontà di riscatto, che sorge dallo sgomento che di fronte al afatto che nulla resta del particolare soffio vitale, della fatica, del dolore, del deisderio di tante esperienze umane che hanno occupato uno spazio nel mondo, contribuendo a costituirne la sostanza, a renderlo vivibile anche per noi.

 

Comments are closed.