Top Navigation

Più o meno 30

di Alessia Verdi

pp. 64, f.to 13,5×21, 2019
ISBN 978-88-6550-717-9
€ 10,00

 

Alessia è una donna che parla di sé. E mentre parla di sé parla di noi.
Questo è un libro che dà voce alla vita delle donne. Qui è una donna che parla, parla di sé e parla di ciò che vivono le donne: l’essere figlia, sorella, amica, compagna, madre, l’essere sola, l’essere insieme.
È un libro che narra una storia che è insieme storia di ordinarietà e di straordinarietà, una storia comune perché racconta la vita quotidiana, la vita di ogni donna, il percorso tra studio, lavoro, famiglia, la scelta di una casa, l’amore, i compagni, il figlio, la malattia, l’amicizia tra donne.
È una storia eccezionale perché racconta come una donna sa percorrere tutte le vicende ed essere autentica, intensa, trasparente e coraggiosa. Eccezionale non perché c’è una pesante malattia, l’esperienza di sentirsi impotenti, invalidati, carenti, mancanti; ed è eccezionale perché in questa narrazione si palesa la forza che nasce intorno e dentro la malattia, si palesa l’energia profonda che non soccombe a fronte del cedimento fisico e dell’indebolimento psichico.
È una storia che smentisce tutti gli stereotipi: quelli sul tipo di famiglia, quelli sulla solitudine delle mamme, quelli sulla impossibilità di reagire alla malattia, quelli sulle donne e mostrano le donne che insieme intrecciano lavoro, casa, maternità, relazioni sociali e amicali.
Una storia eccezionale di resilienza, di luce, di speranza.
Non è facile per le donne prendere la parola. Non è facile per le donne parlare di sé, è sempre più necessario, proprio per questo, far sì che le donne prendano la parola e parlino di sé.
La narrazione dominante ha per secoli reso le donne invisibili e inascoltate. Adesso sappiamo quanto la parte nascosta della storia sia importante.
Questo libro vede la luce grazie all’amicizia tra donne, alla stima tra donne, alla sintonia tra donne.
Alessia ha creato relazioni calde, intense, vive tra donne di varia età e condizione che hanno sentito ciò che Alessia racconta come una cosa vicina, propria, una cosa di tutte.
Per questo ringrazio Alessia, le sue amiche, le nuove amiche che hanno saputo leggere la sua storia e Francesca che come editrice ha saputo cogliere.
Alessia racconta qualcosa di tutte noi. Oggi per me è bello condividere la gioia di Alessia che prende parola e condividere con tutte e tutti la storia di Alessia, una storia che crea fiducia, che apre spiragli, che fa ritrovare il sole,

Comments are closed.